LA STORIA >>    CHI SIAMO >>    Home-Page >>    SCRIVICI >>


Torna alla prima pagina << Vai al precedente :: Vai al successivo >>

FIRMATE per la chiesa degli olandesi

m.paffetti
Posted on 17/11/2012 10:43:41

ULTIME SETTIMANE PER VOTARE PER LA CHIESA DEGLI OLANDESI, GRAZIE



Quest’anno anche la nostra città partecipa al censimento "I luoghi del cuore", promosso dal FAI e sponsorizzalo da Banca Intesa San Paolo, con il Tempio della Congregazione Olandese Alemanna conosciuto dai livornesi come la Chiesa degli Olandesi ubicato sugli scali omonimi, nel tratto compreso tra Piazza della Repubblica e Piazza Cavour.
l Tempio è un luogo di culto protestante, testimonianza del clima interculturale dell'antica città labronica. E' un raro esempio di architettura neogotica a Livorno. La facciata presenta tre rosoni, e quello centrale, che si trova sopra l'entrata principale, è decorato con motivi floreali. L'interno è una vasta aula a pianta rettangolare, preceduta da una tribuna posta sopra il vestibolo d'ingresso e chiusa attraverso una grande abside circolare. Qui l'architetto mise insieme elementi della tradizione gotica e altri di natura classica: infatti lungo la navata si possono osservare l'alternarsi di lesene di matrice classica, sulle quali si aprono archi a sesto acuto che inquadrano finestre ogivali con vetrate colorate. Le pratiche per la costruzione furono avviate dopo l'Unità di Italia e fu scelto come architetto Dario Giacomelli. I lavori iniziarono nel 1862 e terminarono nel 1864. Nel 1903, dopo un periodo di crisi, la Congregazione Olandese Alemanna fornì la chiesa di un organo pregiatissimo della ditta Agati-Tronci.
L'edificio fu risparmiato dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, ma fu depredato dell'organo; nel dopoguerra ospitò importantissimi concerti, tra cui uno del famoso chitarrista Andrés Segovia nel 1949, e sul finire degli anni Sessanta fu affiliato, per alcuni anni, alla Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno.
L'estinguersi degli ultimi membri della Congregazione, nella seconda metà del Novecento, portò il Tempio a un lento ed inesorabile degrado.
Il Censimento promosso dal FAI è un “concorso”: l'edificio o il monumento che avrà ricevuto più segnalazioni a livello nazionale sarà salvato con i fondi che saranno messi a disposizione da Banca Intesa San Paolo.
L’Associazione Livorno delle Nazioni, i Lions di Livorno e la delegazione livornese del Fai hanno organizzato con il patrocinio del Comune, una campagna per sensibilizzare la cittadinanza e per raccogliere le firme necessarie a raggiungere la vetta della classifica de “I LUOGHI DEL CUORE”.
Anche noi del PENTAGONO, assieme a molte altre associazioni, abbiamo aderito a questa lodevole iniziativa, diamo il nostro contributo raccogliendo le firme e pubblicando sul nostro bollettino articoli corredati da foto che mostrano lo stato di totale abbandono della chiesa olandese.
Alcune settimane fa abbiamo chiesto ospitalità all’emittente TELECENTRO e durante la trasmissione “Panoramica” (foto sopra) abbiamo cercato di spiegare quanto è importante nella storia di Livorno il Tempio della Congregazione Olandese Alemanna.
Salvare la Chiesa degli Olandesi significa salvare l’identità culturale della nostra città, “viviamo in un mondo globalizzato” quante volte abbiamo sentito questa espressione ebbene le origini di Livorno sono quelle di una città cosmopolita, multirazziale e multi religiosa e questa chiesa protestante, nel quartiere Benci-Centro di fronte al mercato coperto, ne è un’importante testimonianza. Il 31 ottobre doveva essere l'ultimo giorno di raccolta firme per la sesta edizione del censimento ma il FAI nazionale ha dato un altro mese di tempo per segnalare e raccogliere le firme per salivare un bene architettonico. La nostra associazione rinnova quindi l’invito a tutti livornesi: votate il Tempio della Congregazione Olandese Alemanna, sul sito del FAI www.iluoghidelcuore.it oppure firmate la scheda disponibile nei tanti punti firma presenti in città.


L’associazione ringrazia il sig. ORSINI per la disponibilità e per lo spazio concessoci .


Back to Top marcello@granducato.com art.n°-141