LA STORIA >>    CHI SIAMO >>    Home-Page >>    SCRIVICI >>


Torna alla prima pagina << Vai al precedente :: Vai al successivo >>

2 giugno Festa della Repubblica

A.Dechecchi
Posted on 06/03/2012 23:26:10

In questo giorno non possiamo non ricordare come la Repubblica, la Costituzione, siano il compimento di un cammino che ebbe il suo potente avvio proprio nel Risorgimento.
Quel Risorgimento che non fu movimento di poche elite ma che vide una spinta dal basso straordinaria con l’insurrezione uomini e donne spinti dal sogno di una grande visione per il futuro, dal sogno di un’Italia “Nazione Una, Indipendente, Libera, Repubblicana”.


Poche settimana fa abbiamo celebrato le storiche giornate del 10 e 11 maggio nelle quali la nostra città fu teatro di una pagina importante del Risorgimento e della storia del processo di unificazione nazionale
L’insurrezione della città di Livorno fu soffocata in breve tempo, ma dodici anni dopo gli ideali risorgimentali, per cui quei livornesi erano caduti, vinsero dando così ragione a chi aveva visto qual era lo sviluppo necessario per il nostro Paese.
Dignità e Riscatto: sono le parole che legano l’una all’altra i momenti fondativi della nostra storia nazionale: Risorgimento, Resistenza e Repubblica, Costituzione.
Le aspirazioni per cui, in tutti questi momenti, migliaia di uomini e di donne si misero in gioco, scelsero di mettere le loro vite, le loro energie a servizio del bene comune, a servizio di un grande progetto per il futuro. Con coraggio, generosità, passione.
Da lì è nata la Repubblica Italiana, la nostra Costituzione, con la sua indicazione della strada da percorrere per dare corpo a quei principi, a quei valori che in essa trovarono il suggello più alto.
Quei valori che ancora oggi devono essere per noi cittadini per chi è impegnato nelle istituzioni, la bussola attraverso cui orientare la propria azione.


Cenni storici


La Festa della Repubblica Italiana viene celebrata il 2 giugno a ricordo della nascita della Repubblica.
Il 2 e il 3 giugno 1946 si tenne, infatti, il referendum istituzionale indetto a suffragio universale con il quale gli italiani venivano chiamati alle urne per esprimersi su quale forma di governo, monarchia o repubblica.
Gli italiani, dopo 85 anni di regno, scelsero la Repubblica e insieme votarono per eleggere i 556 deputati dell'Assemblea Costituente che avrebbero redatto la nuova Carta Costituzionale.
Fu la prima tornata elettorale a vero suffragio universale, in quanto per la prima volta nella storia del paese andarono alle urne anche le donne: si recò a votare l'89,1% degli italiani, pari a 24.947.187, di cui 12.998.131 donne. Il risultato delle urne fu di 12.717.923 voti a favore della Repubblica, contro i 10.719.284 a favore della Monarchia.
Il 13 giugno, Umberto II, il “Re di maggio" (10 maggio-13 giugno 1946), partì per l'esilio. In conseguenza del cambiamento istituzionale, la XIII disposizione transitoria della nuova Costituzione vietò l'esercizio dei diritti politici ai membri e ai discendenti di Casa Savoia e l'ingresso in Italia ai discendenti maschi della famiglia. I Savoia sono tornati in Italia solo il 15 marzo 2003, dopo 57 anni di esilio.
Il 2 giugno celebra la nascita della nazione, in maniera simile al 14 luglio francese (anniversario della Presa della Bastiglia) e al 4 luglio statunitense (giorno in cui, nel 1776, venne firmata la dichiarazione d'indipendenza).
In tutto il mondo le ambasciate italiane tengono un festeggiamento cui sono invitati i Capi di Stato del Paese ospitante. Da tutto il mondo arrivano al Presidente della Repubblica Italiana gli auguri degli altri capi di Stato e speciali cerimonie ufficiali si tengono in Italia.
www.festadellarepubblica.it
Alla Festa della Repubblica partecipano tutte le Forze Armate, le Forze di Polizia, il Corpo dei Vigili del Fuoco, la Croce Rossa e le più alte cariche dello Stato insieme con il Presidente della Repubblica. I festeggiamenti sono fregiati anche dalle evoluzioni acrobatiche delle Frecce Tricolore.
Nel pomeriggio vengono aperti i giardini del palazzo del Quirinale ed i festeggiamenti si concludono con le musiche della banda dell’ Esercito Italiano, della banda dell’Aeronautica Militare Italiana, della Marina Militare Italiana e di tutti i corpi militari dello Stato.


Back to Top info@granducato.com art.n°-124